CORRIERE DELLA SERA IN OFFERTA GRATIS!

QUOTIDIANI ONLINE

CROCIERE LOW COST

crociere economiche.gif

TUTTI I DEAL DI OGGI

bazar coupon banner.jpg

RACCOMANDA IL SITO

Login Form

L'UNIONE SARDA


L'Unione Sarda online gratis sul tuo Pc, leggi le news della prima pagina, di politica, di attualità, sportive, economiche, di cultura, degli esteri e degli spettacoli del quotidiano della Sardegna L'Unione Sarda su Giornali on Web free e senza download di Pdf. Le notizie direttamente dal sito ufficiale della testata unionesarda.it senza abbonamento. Giornali on Web la tua edicola virtuale.







PRIMA PAGINA L'UNIONE SARDA

l'unione sarda

Leggi le notizie di cronaca locale e nazionale, le news di sport, di economia, il meteo e tutte le rubriche del quotidiano.


****ABBONAMENTI RIVISTE E QUOTIDIANI SUPER SCONTATI!****


L'UNIONE SARDA WIKIPEDIA

L'Unione Sarda è il più antico e diffuso quotidiano della Sardegna; è stato fondato nel 1889.

È stato anche il primo quotidiano europeo a dotarsi di un sito Internet, sin dal 1994, quando editore del quotidiano era Nicola Grauso.
Le redazioni sono a Cagliari, Nuoro, Olbia, Oristano, Quartu Sant'Elena, e Sassari, gli uffici di corrispondenza a Carbonia, Iglesias, Lanusei, Macomer, Sanluri e Roma. Il 12 Febbraio 2011 è stata inaugurata a Cagliari Piazza L'Unione Sarda, nel nuovo centro residenziale realizzato dall'editore del quotidiano Sergio Zuncheddu.

Storia de L'Unione Sarda
L'Unione Sarda nasce il 13 ottobre 1890 come Giornale settimanale politico, amministrativo, letterario, per iniziativa di intellettuali e politici cagliaritani, quali Francesco Cocco Ortu, Enrico Lay, Alberto Castoldi, Salvatore Parpaglia, Antonio Cao Pinna e Pasquale Prunas-Tola. Diventa quotidiano nel 1890. Il quotidiano ha una linea politica liberale. Nel 1920 la maggioranza delle azioni de L'Unione Sarda vengono acquistate dall'imprenditore Ferruccio Sorcinelli. Durante il fascismo si allinea alla politica del regime. Alla fine degli anni Sessanta la famiglia Sorcinelli cede le proprie azioni a Giuliano Salvadori del Prato. Nel 1985 vi è un ulteriore cambiamento di proprietà: il quotidiano viene acquistato da Nicola Grauso , già editore di Videolina , da lui fondata alcuni anni prima. In poco tempo il quotidiano viene profondamente modernizzato, con l'elettricizazione della stampa che sostituisce la stampa a piombo. Nel 1999 Nicola Grauso è costretto a cedere L'Unione Sarda a Sergio Zuncheddu, insieme alle altre aziende del gruppo, in seguito alle vicende legate al sequestro di Silvia Melis. Su ciò Grauso dichiarò: "Le mie aziende furono commissariate pur non avendo un decreto ingiuntivo ed un sequestro. La semplice azione di commissariamento e l'intenzione della Magistratura di volermi sottrarre giornale, radio e tv, furono sufficienti a destabilizzare le aziende e a farmi perdere il fisiologico sostegno da parte del sistema finanziario. Dovetti vendere per 120 miliardi tutto il gruppo a Sergio Zuncheddu" . Attualmente è quindi proprietario Sergio Zuncheddu, che ha portato avanti il processo di modernizzazione del quotidiano iniziato da Grauso, con la costruzione nel 2002 di un nuovo centro stampa a Elmas, vicino al precendente, la leggerà riduzione del formato, più simile ad alri quotidiani nazionali come il Corriere della Sera; nel 2011 avverrà il trasferimento della redazione a Santa Gilla.

Politica
L'Unione Sarda nasce come quotidiano di area liberale. Dopo il fascismo, durante il quale il giornale cagliaritano si dichiara Quotidiano fascista della Sardegna, assume una politica di carattere moderato. Quando l'editore Nicola Grauso si candidò alle elezioni comunali di Cagliari prima, e alle regionali poi, il quotidiano fa una forte campagna a suo favore. Negli ultimi anni però, da quando è stato acquisito dall'imprenditore edile Sergio Zuncheddu, c'è stato un forte avvicinamento al Centro-Destra isolano e al Popolo delle Libertà in particolare. Inoltre molti reputano che quando era governatore della Regione Sardegna Renato Soru il quotidiano abbia criticato più o meno esplicitamente il suo operato: secondo i quali ciò deriverebbe dal fatto che la Giunta Soru ha bloccato l'acquisizione da parte della Regione di uffici dello stesso Zuncheddu in costruzione a Santa Gilla.

Piazza L'Unione Sarda
Piazza L'Unione Sarda è stata inaugurata a Cagliari il 12 febbraio 2011 e rientra in un progetto edilizio, più volte contestato, dell'imprenditore Sergio Zuncheddu. Donata al rione e alla città di Cagliari, la piazza sorge sullo spazio della cementeria della Italcementi, demolita nell'agosto del 2003 e sarà entro il 2011 sede de L'Unione Sarda e di Videolina.