QUOTIDIANI ONLINE

CROCIERE LOW COST

crociere economiche.gif
conto corrente online

TUTTI I DEAL DI OGGI

bazar coupon banner.jpg

RACCOMANDA IL SITO

Login Form

ALTO ADIGE QUOTIDIANO


Alto Adige online gratis sul tuo Pc, leggi le news della prima pagina, di politica, di attualità, sportive, economiche, di cultura, degli esteri e degli spettacoli del quotidiano locale italiano Alto Adige su Giornali on Web free e senza download di Pdf. Le notizie direttamente dal sito ufficiale della testata altoadige.it senza abbonamento. Giornali on Web la tua edicola virtuale.





PRIMA PAGINA ALTO ADIGE

alto adige quotidiano


Leggi le notizie di cronaca locale e nazionale, le news di sport, di economia, il meteo e tutte le rubriche del quotidiano.


****ABBONAMENTI RIVISTE E QUOTIDIANI
SUPER SCONTATI!
****


L'ALTO ADIGE QUOTIDIANO WIKIPEDIA

L'Alto Adige è il più diffuso quotidiano in lingua italiana dell'Alto Adige, che dà il nome alla testata. Le edizioni locali del Trentino e del Bellunese vengono pubblicate con i rispettivi nomi di Trentino e Corriere delle Alpi.

Struttura
Il quotidiano Alto Adige fino al 2000 pubblicava tre edizioni locali per l'Alto Adige, il Trentino ed il Bellunese con lo stesso nome ed il sottotitolo Corriere delle Alpi. Successivamente si decise, con alcune resistenze nel Trentino, di dare un nome indipendente alle due testate di Trento e Belluno. In ogni caso i tre giornali, che escono tutti i giorni della settimana compresa la domenica, riportano le stesse pagine con le notizie nazionali ed internazionali. Diverse per provincia sono le notizie locali. Tutte e tre le testate pubblicano invece la pagina intitolata 24 ore nelle Alpi, dove vengono riportate le notizie dalle altre regioni alpine in Italia, da Austria e Germania (ora intitolata Alps), e le notizie più dettagliate dalle altre due province. L'Alto Adige pubblica quindi le notizie del Trentino e del Bellunese all'interno della pagina 24 ore nelle Alpi.

Il quotidiano produce un magazine mensile chiamato "Alto Adige magazine" e qualche speciale periodico.

Per la minoranza ladina l'Alto Adige pubblica settimanalmente una pagina in lingua ladina (principalmente in ladino dolomitico, ma anche in romancio e friulano, le altre lingue retoromanze). La spazio si chiama Plata ladins (Pagina dei ladini) ed esce il martedì. Recentemente anche le minoranze cimbra e mochena del Trentino hanno ottenuto una pagina bisettimanale in alternanza (edizione del venerdì). Le pagine delle minoranze vengono infatti pubblicate su tutte e tre le edizioni. La pagina in lingua cimbra si chiama Di sait vo Lusèrn (La pagina di Luserna), quella in lingua mochena si chiama Liaba lait (Cara gente).

La casa editrice e la redazione principale si trovano a Bolzano, redazioni periferiche sono invece presenti a Merano e Bressanone. Le redazioni di Trento e di Belluno fanno parte della rete che gestisce redazioni periferiche proprie. I tre quotidiani insieme formano una redazione di circa 150 collaboratori.

Storia de Alto Adige
Il quotidiano Alto Adige venne fondato nel 1945 dal Comitato di liberazione nazionale. In seguito alla soppressione del quotidiano "La Provincia di Bolzano" nato durante il periodo di occupazione nazista (1943-1945), è il primo quotidiano in lingua italiana dell'Alto Adige. Nel dicembre del 1945 è stata fondata la SETA - Società editrice tipografica atesina, che da allora fungeva quale proprietaria del quotidiano. Dal 1946 esso diffuse a livello regionale. Negli anni Cinquanta, la SETA fu sovvenzionata dal governo italiano col dichiarato intento di difendere l'italianità della provincia e di mantenere il confine del Brennero, entrambi considerati a rischio, investendo così il quotidiano di un compito politico riscontrabile nelle dure prese di posizione durante l'era preautonomista del territorio.

Dal 1958 l'Alto Adige pubblicava due pagine in lingua tedesca chiamata Deutsches Blatt (Pagina tedesca), soppresso nel 1999.

Dal 1994 il giornale esce anche in provincia di Belluno.

A tutt'oggi il giornale, alla pari del suo consimile in lingua tedesca, il "Dolomiten", si pone come obiettivo la difesa dell'identità etnico-culturale della popolazione sudtirolese-altoatesina di lingua italiana, intervenendo spesso in modo vistoso su temi di toponomastica e del cosiddetto "disagio" della popolazione italofona.