CORRIERE DELLA SERA IN OFFERTA GRATIS!

QUOTIDIANI ONLINE

CROCIERE LOW COST

crociere economiche.gif

TUTTI I DEAL DI OGGI

bazar coupon banner.jpg

RACCOMANDA IL SITO

Login Form

IL SECOLO XIX QUOTIDIANO


Il Secolo XIX online gratis sul tuo Pc, leggi le news della prima pagina, di politica, di attualità, sportive, economiche, di cultura, degli esteri e degli spettacoli del quotidiano ligure Il Secolo XIX su Giornali on Web free e senza download di Pdf. Le notizie direttamente dal sito ufficiale della testata ilsecoloxix.it senza abbonamento. Giornali on Web la tua edicola virtuale.







PRIMA PAGINA SECOLO XIX

il secolo xix quotidiano prima pagina

Leggi le notizie di cronaca locale e nazionale, le news di sport, di economia, il meteo e tutte le rubriche del quotidiano.



****ABBONAMENTI RIVISTE E QUOTIDIANI SUPER SCONTATI!****




IL SECOLO XIX WIKIPEDIA




Il Secolo XIX è il quotidiano storico di Genova, fondato nel 1886 e diffuso in Liguria e nel Basso Piemonte (Novese e Alessandrino).
A Genova, e in generale in tutta la Liguria, è comunemente chiamato "Il Secolo" o, meno frequentemente, "Il Decimonono".
È stato fra i primi giornali italiani ad adottare la stampa a colori ed è da lungo tempo di proprietà della famiglia genovese dei Perrone.

Storia de Il Secolo XIX
Il Secolo XIX venne fondato a Genova nel marzo del 1886 da Ferruccio Macola, che ne fu il primo direttore. A finanziarlo fu il marchese Marcello Durazzo. Il primo numero del "Il Secolo XIX" uscì nelle edicole il 25 aprile, giorno di Pasqua.

Nel 1897 il giornale venne acquisito da Ferdinando Maria Perrone, proprietario dell'Ansaldo.
Con tale acquisizione, Perrone intendeva sostenere una politica protezionistica in favore dell'allora giovane industria italiana. Con Perrone venne nominato nuovo direttore il genovese Luigi Arnaldo Vassallo (detto Gandolin, ovvero Vagabondo), uno dei più importanti giornalisti dell'epoca. E con il Vassallo il giornale raggiunse le 45.160 copie giornaliere. Fu anche il primo giornale in Italia ad uscire con una fogliazione di sei pagine, anziché delle tradizionali quattro.

Il 10 agosto 1906, alla morte di Vassallo, successero alla guida del quotidiano Mario Fantozzi e, successivamente ancora, il genovese David Chiossone.

Nel 1946 diventò direttore Umberto Vittorio Cavassa. Persona di grande cultura, liberale, Cavazza restituì al Secolo autorevolezza e prestigio, dopo le compromissioni col fascismo. Storico direttore, Cavassa rimase alla guida del giornale per ventitré anni, fino al 1968.

Nella direzione del giornale subentrarono negli anni settanta Piero Ottone, lo stesso editore Alessandro Perrone (nipote di Ferdinando Maria) che poi lasciò la guida del quotidiano a Cesare Lanza, Michele Tito, Tommaso Giglio, Carlo Rognoni, Mario Sconcerti, Gaetano Rizzuto, Antonio Di Rosa, fino all'attuale direttore, Lanfranco Vaccari.

Negli anni Settanta esce dal giornale la famiglia Grazioli, e il quotidiano rimane nelle mani di Cesare Brivio e Carlo Perrone. Successivamente la tedesca Passau Verlagf rileva il 40 per cento della S.E.P. (Società Edizioni e Pubblicazioni), l'editrice del giornale. In seguito i tedeschi venderanno la loro quota solo a Carlo Perrone. Per questo Brivio fa causa a Perrone, perdendo però l´arbitrato.

Nel 2001 è stata lanciata Ep Web, azienda di area internet del Gruppo Editoriale Perrone che ha creato Il Secolo XIX Web, affidandone la conduzione a Marco Formento insieme al vice-direttore alla multimedialità Mario Muda.

Nel 2006, il Decimonono raggiunge i 120 anni di vita. Per celebrare il traguardo è stata lanciata la stazione radiofonica Radio 19, la cui realizzazione e progetto è curato da Mauro Rattone. Le trasmissioni in diretta hanno preso il via il 19 febbraio 2006. Nel maggio 2006 è stata organizzata al Palazzo Ducale di Genova una mostra dal titolo 1886 - 2006 - "Un giornale, una storia. Il Secolo XIX in 120 anni", con lo scopo di offrire un excursus nel passato ma anche nel futuro dell'informazione, fra suggestioni antiche e scenari legati ai tempi correnti.
Per ricordare la data storica, sono usciti in allegato al quotidiano una serie di inserti rievocativi del periodo storico in cui il giornale è stato osservatorio ideale della realtà italiana, sia nazionale sia locale.

Nel gennaio 2008 Cesare Brivio Sforza comincia le trattative per la vendita del suo 30 per cento della "Sep spa", la società editrice del quotidiano "Il Secolo XIX", con "Clessidra Capital Partners".

Sede de Il Secolo XIX
Il Secolo XIX nella sua lunga storia ha avuto diverse sedi:

* 1886-1887: Salita San Gerolamo
* 1887-1888: Piazza San Giorgio
* 1888-1898: Via Giustiniani, 9
* 1898-1968: Piazza De Ferrari, 36
* 1968-2000: Via Varese, 2
* 2000- : Piazza Piccapietra, 21

Direttori del Secolo XIX
"Osservatorio" per 120 anni

Genova-Euroflora-Stand Il Secolo XIX-DSCF6482.JPG
Stand per i 120 anni del giornale ad Euroflora 2006

* Ferruccio Macola (1886-1888)
* Pietro Mosetig (1888-1897)
* Luigi Arnaldo Vassallo (1897-1906)
* Mario Fantozzi (1906-1932)
* Francesco Malgeri (1932)
* David Chiossone (1932-1943)
* Aldo Chiarini (1943)
* Aldo Rivoire (1945, fino alla chiusura il 23 aprile 1945)
* Umberto Vittorio Cavassa (1946-1968)
* Piero Ottone (1968-1973)
* Alessandro Perrone (1973-1976)
* Cesare Lanza (1976-1978)
* Michele Tito (1978-1981)
* Tommaso Giglio (1981-1987)
* Carlo Rognoni (1987-1992)
* Mario Sconcerti (1992-1994)
* Gaetano Rizzuto (1995-2000)
* Antonio Di Rosa (2000-2004)
* Lanfranco Vaccari (23 ottobre 2004 - 2009)
* Umberto La Rocca (2009 - in carica)

Edizioni del Secolo XIX

Tuttora il Secolo XIX esce in 5 diverse versioni in Liguria:

Genova, che copre tutto il Genovesato
Levante, che copre tutto il Tigullio ed il Golfo Paradiso
La Spezia, che copre tutta la provincia della Spezia
Imperia, che copre tutta la provincia di Imperia
Savona, che copre tutta la provincia di Savona

e in una versione in Piemonte:

Basso Piemonte, che copre tutta la parte meridionale della provincia di Alessandria

Dal 2010 è stata unita la versione Genova con quella del Basso Piemonte, che comprende soprattutto la cronaca del Novese e dell'Ovadese e talvolta la cronaca proveniente dall'Acquese.