RIVISTE IN OFFERTA!

COMUNICATI

RACCOMANDA IL SITO

Vitigno Nebbiolo, la guida

 

vitigno-nebbiolo

Alzi la mano chi non conosce  il vitigno Nebbiolo. Si tratta di un vitigno a bacca nera, uno dei più pregiati in assoluto. Viene coltivato in Piemonte, principalmente nella provincia di Cuneo.

E’ una varietà autoctona piemontese davvero particolare. I vini che ne derivano da questa bacca si presentano eleganti, raffinati e di buona struttura. Sono molto apprezzati non soltanto nel panorama enologico nazionale ma anche internazionale.

Il suo nome molto probabilmente deriva dalla nebbia autunnale di cui si è immersi durante al vendemmia.

Si tratta di un vitigno delicato, difficile da coltivare. Dal Nebbiolo si producono due grandi vini abbastanza rinomati, ovvero il Barolo e il Barbaresco, entrambi si presentano di color mattone e racchiudono i profumi delle Langhe: tartufo, nocciole tostate a terra con cui si combinano con i profumi dei frutti di bosco, ribes, fragoline, lamponi e poi ancora ciliegie in gelatina. Insomma è il sapore a farla da padrone… Grazie al  gusto così raffinato conquista proprio tutti i palati anche quelli più esigenti.

E’ un vino piuttosto longevo e si presta molto bene alle tecniche di affinamento nonché di invecchiamento, che dopo alcuni anni il suo sapore è decisamente migliore, regalando una sorta di eleganza e morbidezza in più.

Ma quali sono le proprietà e i benefici di questo vitigno Nebbiolo? Scopriamoli immediatamente

 

 

Vitigno Nebbiolo: proprietà e benefici

nebbiolo-barolo

Tra gli alleati della salute e del benessere spicca l’uva rossa Nebbiolo. Essa è molto ricca di zuccheri e in aggiunta contiene un buon quantitativo di sali minerali, vitamina del gruppo A, B, e C, polifenoli e tannini. Quest’ultimi li troviamo nella buccia.

Grazie agli elementi di cui è caratterizzata moltissime sono le proprietà benefiche che ne scaturiscono.

E’ indicata in caso di anemia, affaticamento e malattie della pelle. In aggiunta il Nebbiolo ha proprietà antitumorali e antiossidanti dovute al quantitativo di resveratrolo e polifenoli presenti, in più vanta proprietà antivirali, soprattutto è un ottimo coadiuvante per combattere l’herpes simplex, disturbo molto frequente e molto odiato in particolar modo dalle donne.

Ma i benefici non finiscono. Ebbene per chi ha problemi di cellulite sono state realizzate delle creme a base di uva rossa Nebbiolo (come quella che trovate su Bellezzautentica.it). Il risultato, davvero soddisfacente. Chi ha già provato questo prodotto ne è rimasto più che soddisfatto.

 

Vitigno Nebbiolo qualche piccola curiosità

In passato sul vino sono state fatte considerazioni alquanto errate poiché si tendeva solo ed esclusivamente a valutare la componente alcolica. Oggi invece grazie a numerose ricerche è stato appurato che il vino che ne deriva dal vitigno Nebbiolo contiene 6000 sostanze, tra microelementi e macroelementi, responsabili delle molteplici azioni benefiche che si hanno sull’organismo.

 

 

Abbinamento vitigno Nebbiolo e cibo

degustazione-nebbiolo

Grazie alle sue caratteristiche organolettiche, il Nebbiolo si abbina a diverse pietanze di tutto rispetto. E’ ottimo in accostamento a piatti a base di carne di manzo, cinghiale, pollame, brasati, alla griglia oppure conditi con salse davvero pregevoli.

Lo si può tranquillamente abbinare anche a taglieri di formaggi e salumi, oppure si rivela eccellente con pasta asciutta condita a sua volta con ragù. Si sposa molto bene con il tartufo d’Alba,  oppure con piatti tipici della tradizione piemontese come ad esempio gli agnolotti del plin.

Per quanto riguarda invece la temperatura ideale di servizio, si aggira intorno ai 18°.

Prima della degustazione è fondamentale stappare la bottiglia alcune ore prima perché, essendo un vino corposo e ben strutturato occorre decantarlo così facendo tutti gli aromi verranno sprigionati a dovere e si eviterà d’altro canto, il depositarsi di eventuali sedimenti.

Secondo i grandi sommelier, la vera ossigenazione avviene nel bicchiere, che deve essere ampio ma non in modo esagerato.

Bicchieri che non dovranno mai essere troppo pieni, ma piccole quantità di vino consentono una perfetta nonché veloce ossigenazione.