RIVISTE IN OFFERTA!

COMUNICATI

RACCOMANDA IL SITO

Come scegliere una pittura decorativa

 

pittura-decorativa

Quando si acquista una casa, la prima cosa che viene in mente è come renderla più attraente attraverso una pittura decorativa.

Sicuramente bastano piccoli trucchi per rendere la propria abitazione ancora più bella. Se si è alla ricerca di una pittura decorativa per la propria dimora ma non si hanno delle idee a tal riguardo, ecco la guida che fa al proprio caso.

 

 

1. Come scegliere una pittura decorativa: la tecnica della spugnatura

Chi non conosce la spugnatura? Si tratta di una pittura decorativa semplice ma di sicuro di grande impatto visivo perché permette di rendere ancora più belle le pareti creando una serie di ombreggiature proprio con la spugna.

 

La spugnatura può essere di varie tipologie:

  • Tono su tono: si riesce a captare soltanto in controluce;

  • Lucida soltanto su una parete opaca: in questo modo si crea un gioco di colori di effetto;

  • Scelta dei colori a contrasto: è la più utilizzata e può essere realizzata su una parete bianca oppure colorata.

 

E’ un tipo di decorazione che è adatto soprattutto nelle camerette, dove si possono scegliere nuance dai toni accessi o colori pastello, ma nulla vieta di utilizzarla anche negli altri ambienti.

 

2. Scegliere una pittura decorativa: lo spatolato

pittura-decorativa-guida

Lo spatolato conferisce un tocco di originalità e raffinatezza alla parete. E’ possibile scegliere con questa tipologia di tecnica, di tinteggiare un’intera stanza o soltanto una parete per valorizzare l’ambiente circostante.

Lo spatolato è meglio definito stucco veneziano, e l’effetto che ne conferisce è simile a quello di un colore in movimento.

Questa pittura decorativa può essere applicata alla zona giorno, ai corridoi o ingressi.

Dipingere a spatola è un lavoro che richiede accuratezza, esperienza e una certa dimestichezza con la manualità. Per poter dunque creare un effetto raffinato ed elegante è consigliabile rivolgersi ad un pittore professionista ed evitare in questo caso il fai da te, nonostante ci siano tutorial, guide che si possono mettere in atto.

 

3. Scegliere una pittura decorativa: il graffiato

Si tratta di una tecnica molto moderna e consente di ottenere un risultato in stile vintage. Consiste nel rigare o graffiare il colore mediante una spatola dentata, creando una sorta di righe orizzontali oppure verticali.

 

4. Scegliere una pittura decorativa: il velato

Il velato rappresenta un’altra idea originale e creativa per realizzare una parete a regola d’arte.  Si tratta anche in questo caso di una delle metodologie più utilizzate per decorare una parete di casa perché si possono trarre delle sfumature dai toni delicati o dai colori più accesi.

 

 

5. Scegliere una pittura decorativa: tecnica del dragging

Meglio definita come decorazione a pettine, questa pittura ha come principale protagonista le righe. Proprio così. Si possono creare una serie di righe sulle pareti conferendo giochi di luce dando libero sfogo alla propria fantasia e creatività.

Questa pittura decorativa si presta bene non soltanto sulle pareti ma anche sui mobili.

 

6. Scegliere una pittura decorativa: tecnica tamponato

Si tratta di una pittura molto facile da eseguire rispetto alle altre tecniche citate in precedenza. E’ un particolare tipo di decorazione caratterizzata da un effetto “increspato”. Si può applicare sia nella zona giorno ma anche nella zona notte.

 

Quanto costa eseguire una pittura decorativa

pittura-decorativa-consigli

Moltissimi sono i materiali che si possono prediligere e d’altro canto tantissime sono le pitture decorative che si possono mettere in pratica per tinteggiare e decorare le pareti di casa propria, pertanto il costo varierà in base a questi due fattori.

Più si sceglie una tecnica particolare, maggiore sarà il costo da sostenere perché richiede una certa abilità, professionalità e soprattutto i tempi per l’esecuzione del lavoro sono lunghi.

Se si sceglie una tecnica semplice, si potrebbe optare anche per un imbianchino non specializzato nel settore e di conseguenza il costo da supportare sarà minore, oppure se si possiede manualità è possibile procedere con il fai da te  e in questo caso il risparmio è assicurato.

In linea di massima il costo dei materiali oscilla dai 2 ai 5€ al metro quadro, pertanto per poter tinteggiare una casa di 100 metri quadri il costo varia dai 200€ ai 500€ (qui su colorshome.it trovi un'ampia rassegna di prodotti e relativi prezzi).

Se invece si vuole prediligere una pittura decorativa particolare per la propria abitazione, in questo caso bisogna ricorrere a delle ditte specializzate con rinomata esperienza alle spalle e il costo lieviterà.

Mediamente il costo della spugnatura è sui 25€ al metro quadro, lo stucco veneziano oscilla sui 30€ al metro quadro, mentre se si applica la tecnica della velatura  il prezzo è sui 10€ al metro quadro.