CORRIERE DELLA SERA IN OFFERTA!

1 anno con Corriere a 99euro invece di 199euro

corriere-della-sera-offerta

COMUNICATI

RACCOMANDA IL SITO

Come fondare un giornale

 

come-fondare-un-giornale

Per fondare un giornale è necessario fare un investimento di denaro di non poco conto. Un giornale ha delle spese fisse mensili che bisogna valutare prima di intraprendere questo percorso così stimolante. Stampare un giornale e venderlo nell'edicola è un'idea molto particolare ed allettante perché si tratta di una carriera gratificante che vi permette di entrare in contatto con una serie di ambienti e circuiti interessanti e politematici. Un giornale però ha bisogno il numero minimo di dipendenti, di un editore, di un direttore iscritto all'albo dei giornalisti, di numerosi collaboratori in vari ambiti e di una stamperia: settori specifici che richiedono dei costi anche abbastanza alti.

 

 

I requisiti per fondare un giornale

fondare-un-quotidiano

Per fondare un giornale è necessario avere un direttore responsabile che sia iscritto presso l'albo dei giornalisti pubblicisti oppure professionisti della Regione competente, convalidato dall'albo nazionale. In più deve esserci un editore, che può anche essere il direttore stesso, anche se è preferibile di no in modo tale da suddividere i due “poteri” decisionali.

Bisogna avere una tipografia di riferimento in cui stampare le copie del giornale che si intende realizzare e poi un commercialista o consulente fiscale che possa darvi una mano nella gestione economica della società cooperativa che sta alla base del vostro progetto editoriale.

È impensabile realizzare un giornale senza assumere del personale che possa scrivere per voi articoli e coprire determinate aree territoriali. Ogni giornale deve avere determinati componenti come per esempio, un redattore ed un inviato. Solo successivamente si potrà passare alle fasi tecniche: prima di iniziare il progetto editoriale sarà necessario aver ben chiaro quali sono gli obiettivi, gli argomenti da trattare, il target di riferimento del giornale nonché la sua periodicità e la grafica da scegliere. Questo può richiedere l'aiuto di vari tipi di professionisti e di conseguenza altre spese da mettere in conto.

Un giornale deve possedere anche la necessaria registrazione presso il Tribunale di competenza che deve essere fatta dall'editore e dal direttore responsabile in cui vengono attestati alcuni dati come la sede legale e professionalità del direttore e dell'editore coinvolti. La documentazione necessaria può essere richiesta presso la cancelleria del Tribunale competente. Sembra scontato sottolinearlo, ma non lo è: per avviare un giornale bisogna avere pronto un nome ben preciso in cui sarà possibile raggruppare e far trasparire tutti i valori che volete comunicare giorno dopo giorno ai vostri lettori.

 

I primi passi per fondare un giornale

come-aprire-giornale

Una volta stabilito il progetto e le persone coinvolte bisognerà trovare un locale in cui iniziare l'attività che deve essere, più che ampio, comodo e munito di linea telefonica, rete internet, la presenza di fax e computer accessoriati con tutti i programmi per avviare l'attività ed anche gestirla (ad esempio un programma di gestione documentale come copying.it). Un giornale locale ad esempio, deve cercare di trovarsi anche in una posizione di spicco, rispetto alla città di cui si occupa, in modo tale da riuscire a suscitare interesse nei potenziali lettori e farsi conoscere man mano, in modo da diventare competitivo. Molto spesso per iniziare si può fare il primo passo con l'introduzione di notizie anche di tipo regionale magari ampliate grazie al supporto delle agenzie di stampa nazionali e all'aiuto del web.

Per fare in modo che il giornale funzioni e disponga di notizie in esclusiva, bisognerà effettuare delle riunioni continue o giornaliere con i propri collaboratori e osservare regole ben precise, secondo quelle che sono le linee editoriali del giornale fondato. È consigliabile farsi conoscere dalle questure e delle caserme locali, in modo da riuscire a collaborare con gli enti preposti delle forze dell'ordine che possono darvi una mano sui fatti di cronaca e contestualmente anche quelli amministrativi, invece continuando lo stesso giro presso le amministrazioni locali.

 

 

Come lanciare un nuovo giornale

Per far conoscere sempre di più un giornale appena fondato è necessario fare tanta pubblicità e quindi stabilire una campagna di marketing diretta attraverso la diffusione di copie gratuite oppure con l'aiuto di cartelloni, radio, tv e altri giornali settoriali. È possibile anche decidere di organizzare un grande evento di lancio che possa aiutarvi ad accaparrarvi un numero sempre maggiore di lettori, far conoscere il proprio nome e il proprio marchio nel territorio di riferimento. L'attività di pubblicità sarà importante anche per farsi conoscere da eventuali investitori che potranno sostenere la vostra attività con la pubblicità e le sponsorizzazioni.

 

I costi per fondare un giornale

aprire-un-giornale-locale

I costi per fondare un quotidiano possono aggirarsi intorno ai 100/200 mila euro circa per l'inizio, ma bisogna considerare che ogni mese ci sono delle spese vive che devono essere mantenute e di conseguenza, se il vostro giornale sarà a pagamento, allora potrete avere già un piccolo introito dalla vendita ma, qualora invece si tratti di un free press, soltanto la pubblicità potrà essere la vostra fonte di guadagno e dovete investire molto in questo senso cercando di creare una fitta rete di sponsor. La stampa di un quotidiano locale può costare anche oltre 200 mila euro all'anno. Dopo anni di attività, potreste anche richiedere i contributi statali per l'editoria, ma dovete rispettare dei rigidi criteri nel rapporto tra lo stampato ed il venduto. Per risparmiare sui costi di stampa, potete optare per un periodico o per un giornale online.